Itinerari di provincia di Catania

Acireale: tra cultura e folklore

Di Martina D’Urso 

marta12d.13@gmail.com

La cittadina, Acireale, è conosciuta da tutti per il suo barocco, per il suo carnevale, per le sue terme e per la sua tradizione e cultura. E proprio questo itinerario parlerà della cultura della cittadina non sempre prese in considerazione. Un esempio i piccoli musei permanenti, da molti conosciuti da altri no. Questo percorso lo consiglio a tutti coloro che sono appassionati o chi, come molti, non sono venuti a conoscenza delle sorprese che la cittadina ci regala.

Come raggiungere Acireale

Il comune di Acireale è facilmente accessibile a tutti. Si può raggiungere in: treno, pullman, auto.
In treno: la stazione ferroviaria di Acireale è collocata al di fuori del centro abitato, ma facilmente raggiungibile anche a piedi. La stazione Acireale è situata lungo la linea ferroviaria Messina-Catania. Per maggiori informazioni: www.trenitalia.com
In pullman: vi sono diverse ditte che si occupano di trasporti pubblici: Zappalà & torrisi , AST, Interbus
In auto: tramite l’autostrada A18 Messina-Catania uscita Acireale o strada Statale 114 Messina-Catania.

Informazioni sul percorso turistico:

Tipo di percorso: trekking urbano
Durata: Mezza giornata
Lunghezza percorso: 2,5 km circa
Luogo: Acireale
Difficoltà: Facile


nuovo

nuova strada

 

 

Itinerario turistico

1° Tappa (punto A): 

Arrivati alla stazione di Acireale, proseguendo sempre dritto per la via S. Girolamo e la via dell’ Agrumicoltura, vi troverete dove una volta c’era la stazione di Acireale, infatti questo luogo dai cittadini viene chiamato ”vecchia stazione”. Proseguendo per Via libertà e poi per la via Vittorio Emanuele II potete ammirare lo stile barocco della cittadina nei molti palazzi storici. Procedendo sempre per la Via Vittorio Emanuele II potrete ammirare la Basilica Collegiata San Sebastiano. In questa chiesa vi è custodita la statua del santo patrono della cittadina: San Sebastiano. Procedendo dritto per Via Settimo arriverete al Duomo di Acireale. Qui potrete ammirare la bellissima Basilica dei Santi apostoli Pietro e Paolo, inoltre è un punto strategico per poter ammirare lo stile barocco non solo nelle chiese ma anche nei palazzi storici come, per esempio, il comune.

acireale-piazza-duomo-veduta-della-basilica-dei-ss-pietro-e-paolo-e-cattedrale-9307

2° Tappa (punto B): Mostra permanente delle Uniformi storiche

La mostra permanente delle Uniformi storiche ha sede nell’ampia sala Costarelli del Comune di Acireale. 461056_2841271237454_1934715633_o  All’interno sono conservati ed esposti al pubblico cimeli ed uniformi del periodo storico compreso tra il 1796 e il 1928, provenienti da sette stati Europei: Francia,Prussia, Impero Austro-Ungarico, Russia, Stato Pontificio, Regno di Sardegna, Regno d’Italia. Tra i pezzi più rappresentativi esposti e di notevole interesse storico, vi sono le uniformi appartenute all’Imperatore Francesco Giuseppe d’Austria, allo zar Alessandro III di Russia e al principe Umberto di Savoia.

                                             museo uniformi storiche acireale 2       mostra-permanente-delle (1)

3° Tappa (punto C): Museo dell’opera dei pupi

L’opera dei pupi è certamente una delle forme di spettacolo più antiche dell’isola. Il museo è ubicato al centro storico della cittadina, in un via tranquilla che richiama la presenza dei pupi con un bellissimo affresco di fronte l’edificio.

20140610_171811       20140610_173751

I locali di via Alessi ospitano in tutto il suo splendore la mostra permanente della Raccolta del Teatro Pennisi-Macrì di Acireale, dei Pupi e delle antiche attrezzature di teatri siciliani.

Tale raccolta comprende nel dettaglio pupi, teste di pupi, panche, cartelloni restaurati ed attrezzature teatrali originali.

                                 20140610_173101       20140610_173404

La visita è resa stimolante in quanto vi è possibile ammirare così da vicino le opere del puparo Emanuele Macrì inoltre nel museo vi sono gli addetti che vi spiegheranno passo passo la storia del puparo e dei suoi pupi rendendo partecipe chiunque.

4° Tappa (punto D): Biblioteca e Pinacoteca Zelantea

La Pinacoteca ha sede in alcune ampie sale del Palazzo comunale di via Marchese S. Giuliano, progettato all’inizio del XX secolo dall’ingegnere Mariano Panebianco. La fondazione della biblioteca, però, è assai più remota. Risale al 1716, su iniziativa dell´accademia degli Zelanti, la più antica delle accademie siciliane. Oggi è considerata una delle più ricche biblioteche del Meridione d´Italia. Vanta, infatti, un patrimonio di più di 250.000 volumi, senza contare i manoscritti, gli opuscoli e le riviste provenienti in gran parte dai lasciti di nobili famiglie acesi. Al suo interno vi si tengono conferenze e concerti organizzati dall’Accademia Zelantea.

getImage

 Annessa alla biblioteca e’ la Pinacoteca, fondata nel 1851. Nella pinacoteca sono raccolte tele di pittori come: Pietro Paolo Vasta, Emanuele Grasso, Antonio Bonaccorso, Paolo Leonardi, Saru Spina, Giacinto Platania. La pinacoteca ospita nelle sue sale anche molte sculture. Le più notevoli sono il gruppo in gesso raffigurante il pastorello Aci e la ninfa Galatea, realizzato da Rosario Anastasi; la Testa di Garibaldi, un busto dell´eroe dei due mondi, opera di Michele La Spina e infine un busto marmoreo di Giulio Cesare, scoperto a Capomulini nel 1676 durante alcuni scavi archeologici. Assai ammirati tre cimeli storici: un cannone in bronzo del ´600, una portantina per il viatico del ´700 e la settecentesca e monumentale “Carrozza del Senato”, realizzata da Alessandro Vasta, una elegante berlina di gala in legno intagliato e decorato in oro zecchino.

004

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Turisti & Turismi

Percorsi turistici ideati dagli studenti dell'Università di catania

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: